Perché usarlo?

Malattie delle vie aeree superiori nella prima infanzia

Nel caso di un raffreddore o di qualche malattia, i bambini piccoli non sono ancora capaci di soffiarsi bene il naso. Per questo, le secrezioni nasali rimanente nei sinus paranasali si possono superinfettare, il che può causare delle malattie gravi. Togliendo la secrezione in eccesso, si possono prevenire parecchie malattie ed evitare i trattamenti con medicine.

 

Nella prima infanzia, i sintomi del raffreddore si possono presentare anche 5-6 volte all’anno. In questi casi, le secrezioni nasali intense si accumulano nei sinus paranasali del viso e questo può generare parecchie malattie.

 

Con la detersione nasale corretta, le secrezioni nasali si possono togliere dal seno mascellare, dalla fossa nasale inferiore e anche dal lato delle cellule etmoidali. Cosí possiamo prevenire le complicazioni gravi del raffreddore, accelerare la guarigione ed evitare i trattamenti a mezzo di medicamento.

 

Soffiandosi il naso, le secrezioni nasali non possono uscire, perchè questo è impedito dall’anatomia dei seni paranasali e dall’ingrandimento delle tonsille faringee dovuto alla crescita dei denti.

 

Il seno mascellare è una cavità verticale dalla forma lunata, con l’uscita in sommità verso la fossa nasale. Le secrezioni nasali in eccesso si trovano, per leggi della fisica, nella parte inferiore della cavità, da dove non possono risalire da sole. Per superinfezione, la secrezione in stasi nel seno mascellare può causare bronchite, otite media o sinusite mascellare.

 

La maggior parte dei bambini non è ancora in grado di soffiarsi il naso autonomamente, dovuto all’ingrandimento delle tonsille faringee, il che può causare dei problemi gravi nella respirazione e nell’azione della tuba uditiva. La tuba uditiva dei bambini è molto piú corta, ha la pendenza piú ripida, e cosí le secrezioni nasali possono arrivare senza ostacoli nell’orecchio medio.

 

L’otite media e l’ipoacusia possono avvenire facilmente e sono nocivi alla all’evoluzione fonetica.

 

La menomazione della respirazione attraverso il naso affetta pure il fonema del bambino, trasformando la voce caratteristica di una persona in una nasale sgradevole. Il bambino entrato in communità combatte a difficoltà le infezioni contratte dagli altri. Una malattia catarrosa dopo l’altra e, la respirazione costante attraverso la bocca, può produrre mal di gola, tosse e bronchite.